Archivio per novembre 2007

Comunicato stampa riguardo le giornate dell’esercito.

Il Partito Comunista e la Gioventù Comunista hanno aderito alla manifestazione organizzata dal Coordinamento Precari Esistenziali (CPE) che intendevano sensibilizzare la popolazione sul ruolo dell’esercito e sull’assurdità dello stesso all’interno del contesto elvetico.

Per contro l’evento organizzato dall’esercito e largamente pubblicizzato dai media cantonali ha dimostrato alla popolazione che cosa significa vivere in una città occupata militarmente.

Ci possiamo considerare soddisfatti dell’esito del presidio tenutosi in Piazza Cioccaro che ha visto la partecipazione pacifica di manifestanti di varie età ed estrazioni. Ci dichiariamo invece sconcertati dalla sproporzionalità della reazione delle forze dell’ordine rispetto all’animazione burlesca della Clown Army e riteniamo intollerabile la carica della Polizia a cui abbiamo assistito di fronte alla sede della Polizia Cantonale, dove si svolgeva un presidio spontaneo di solidarietà verso i clown fermati nel pomeriggio. La carica è avvenuta a presidio concluso, intanto che i manifestanti si allontanavano al termine dell’animazione inscenata dalla Clown Army per festeggiare la liberazione dei fermati.

Ci interroghiamo sulla professionalità delle forze dell’ordine, su chi fosse al loro comando in quel momento, se il Municipio fosse realmente al corrente di quanto accadeva in Città e sul ruolo che ricopriva l’esercito nella gestione della sicurezza civile.

Gianluca Bianchi, segretario del Partito Comunista
Riccardo Mattei, membro del coordinamento della Gioventù Comunista

Riunione cantonale Gioventù Comunista.

Sabato 10 novembre si è tenuta a casa Gaby in quel di Locarno la riunione cantonale della Gioventù Comunista. Svariati i temi e le problematiche affrontate. Dalla riunione va messa in evidenza la nomina di un membro della sezione Bellinzonese al ruolo di cassiere cantonale. Ruolo che da ieri è stato, con entusiasmo e all’unanimità, affidato al compagno Alessandro Lucchini.
Quello che, tralasciando la sostanza e le decisioni prese, è stato palesato dalla riunione locarnese è la costante crescita del nostro movimento. Un movimento giovane e per i giovani, che grazie al costante infoltimento constatabile all’interno dei suoi ranghi ha l’ennesima conferma che il lavoro è buono, serio e nella giusta direzione. Un movimento in grado di affrontare le sfide in maniera costruttiva ed efficace, capace di piena democraticità al suo interno senza comunque mai intaccare il senso di amicizia, fiducia e rispetto che si è venuto a creare all’interno del gruppo di compagni. La Gioventù Comunista sta dimostrando come un gruppo di ragazzi può impegnarsi, produrre e lottare con tutto l’entusiasmo tipico di noi giovani, perseguendo una linea seria senza tuttavia perdere la capacità di divertirsi, ridere e scherzare.

Compagni, andiamo avanti così!

Viva la Gioventù Comunista!


Iscriviti alla nostra mailing-list!

RSS Studenti & Apprendisti

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Partito del Lavoro – Ticino

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Juventud Rebelde de Cuba

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Indymedia

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.